26-28 giugno – Le competenze trasversali in ambito educativo e formativo: dai discorsi alle pratiche

Call for papers

Le comunità di ricercatrici e ricercatori, come anche di formatrici e formatori, docenti, operatrici e operatori in ambito pedagogico, studentesse e studenti sono invitate a presentare dei contributi dedicati al tema delle competenze trasversali in ambito educativo e formativo.
Il Congresso SSRE 2024 intende offrire un’opportunità privilegiata per discutere del tema in maniera approfondita e critica, capire il ruolo concreto che le competenze traversali svolgono nel mondo della scuola e della formazione, tematizzando le buone pratiche e le modalità di sviluppo, identificando i benefici che potrebbero apportare in ambito educativo e formativo.
I contributi potranno essere presentati in uno dei seguenti formati: contributi singoli, poster di ricerca, simposi, sessione collettiva. Per ciascuno dei formati è possibile scegliere un orientamento basato sulla ricerca o sulla pratica. Per maggiori dettagli rimandiamo al documento della call for papers.
La richiesta di contributi è ora aperta. I contributi potranno essere inviati fino al 15 novembre 2023 7 gennaio 2024, tramite l’apposito link.

Ogni proposta di contributo singolo, poster o simposio verrà valutata da due membri del comitato scientifico esteso (revisione tra pari in doppio cieco), le proposte di sessione collettiva saranno invece valutate dai membri del comitato organizzativo del congresso.

Orientamento del contributo

Sarà possibile presentare contributi basati sulla ricerca o sulla pratica. Indicare la scelta che si intende fare:

Contributo orientato alla ricerca
I contributi orientati alla ricerca illustrano progetti di ricerca completati o in corso, con particolare attenzione alla teoria e alla revisione della letteratura o all'analisi dei dati empirici. Le attività pratiche per gli articoli orientati alla ricerca possono includere una dimostrazione di uno strumento di raccolta dati, o l'analisi collaborativa di un insieme ridotto di dati, ecc.  

Contributo orientato alla pratica 
I contributi orientati alla pratica riportano esperienze di insegnamento e/o di apprendimento formali o informali svolte sul territorio, con particolare attenzione alla loro implementazione e al loro impatto. Pur essendo incentrati sulla pratica, devono includere un'adeguata cornice teorica e alcune prove empiriche a sostegno delle affermazioni e delle intuizioni. Le attività pratiche per i contributi orientati alla pratica possono includere una dimostrazione di uno strumento di apprendimento, o una prova di una breve attività di classe, ecc.

Formati di presentazione

Contributo singolo
Il contributo singolo, di cui possono essere responsabili uno o più autori, consiste in una presentazione di una durata di 15 minuti, seguita da 5 minuti per le domande e la discussione. Può essere orientato alla ricerca o alla pratica e la presentazione può includere un’attività pratica. Nel limite del possibile, i contributi singoli saranno raggruppati in sessioni di 3 o 4 relazioni su argomenti simili. Il contributo deve essere inviato in formato anonimo, quindi gli autori non devono fare menzione del proprio nome e dell’organizzazione di affiliazione.
Poster di ricerca
Il poster di ricerca può essere ideato da uno o più autori e presentare un progetto di ricerca concluso o in corso. I poster sono particolarmente adatti a presentare risultati intermedi o preliminari e possono essere orientati alla ricerca o alla pratica. Gli autori sono responsabili della stampa del poster in formato A0 verticale. I poster saranno presentati durante una sessione collettiva dedicata.
Simposio
Il simposio riunisce studiosi di almeno due istituzioni distinte su un argomento comune chiaramente identificabile, coordinato da una o un proponente principale. Il simposio dura 90 minuti e prevede solitamente tre presentazioni (in casi eccezionali quattro), seguite da una discussione. Ogni presentazione dura 15 minuti e riguarda un progetto o un argomento diversi ma complementari all’interno dell’argomento comune. I simposi multilingue sono possibili e benvenuti. Una persona designata dalla o dal proponente del simposio, diversa dagli autori, assume il ruolo di discussant e avvia la discussione con un contributo critico e modera il dibattito. Per la discussione devono essere previsti almeno 45 minuti. I lavori presentati nell’ambito dei simposi saranno valutati anche singolarmente e possono essere orientati alla ricerca o alla pratica. Il contributo deve essere inviato in formato anonimo, quindi gli autori non devono fare menzione del proprio nome e dell’organizzazione di affiliazione.
Sessione collettiva
La sessione collettiva offre uno spazio aperto per la discussione e la condivisione di idee in un contesto meno formale ma strutturato. Gli autori preparano un breve stimolo all’interazione e/o invitano uno o più relatori e assumono di persona la moderazione della sessione. La sessione collettiva dura 90 minuti e può prendere la forma di una tavola rotonda, workshop, dibattito pro e contro, ecc. Almeno 45 minuti dovrebbero essere previsti per la discussione o l’interazione. Le sessioni collettive possono essere orientate alla ricerca o alla pratica.